Stampa

PALAZZO RICCIO

Comune Torchiara

Torchiara, la medievale «Turris clara», ubicata in felice posizione nella collina cilentana, si presenta come un centro commerciale ed agricolo, che ha sviluppato rapidamente anche le attività del terziario, approfittando del facile collegamento con Agropoli. Paese con due frazioni: Copersito e Sant’Antuono. La frazione Copersito è adagiata sulle pendici di una collina; qui sono presenti molte case gentilizie. Una nuova viabilità permette l’accesso alla parte vecchia, completamente pavimentata (di recente). All’inizio del ’900 la nascita di una nuova frazione, denominata S. Antuono, segna un importante progresso sociale per l’intero territorio comunale. La frazione è sorta intorno a una cappella dedicata a S. Antonio e nei pressi delle antiche «taverne» della fiera del mercoledì. 
Impianto originario del palazzo: maestranze settecentesche locali; corpo di fabbrica quadrangolare con corte interna su cui si affacciano gli appartamenti. Torre angolare di difesa sul lato destro. 
Confronto con le tecniche e le tessiture murarie, di difesa e strutturali con altri palazzi gentilizi di campagna con torre colombaia, di impianto settecentesco (corte interna). 
Il nome deriva dal latino «Turris Clara» o “Turribus Clara”, cioè «l’illustre tra le torri» a causa delle torri che la circondavano e per altre che difendevano ed adornavano le dimore palaziate di alcune famiglie gentilizie; infatti oltre alla torre fondata dai Longobardi, sita al centro del paese, esistono altre torri-fortezza; tra queste anche quella del palazzo baronale de Conciliis e quella del Palazzo Torre. 
Il nome «Troclara» compare per la prima volta in un documento del 1058, mentre la prima attestazione risulta da un ‘instrumento’ del 1100, in cui il vescovo di Capaccio e l’Abate di Cava stabilivano i confini di alcune terre, facendo menzione di una «serra quae dicitur Troclara». La storia della piccola comunità di Torchiara fa parte degli eventi coinvolgenti tutta la Baronia del Cilento con i frequenti passaggi di proprietà da un feudatario all’altro. Nel 1535 l’ultimo principe di Salerno, Ferrante Sanseverino, vendette questo feudo per ducati 5500 a Francesco De Ruggiero di Salerno. Il feudo rimase ai De Ruggiero, attraverso i discendenti, fino al 1598 quando, insieme con quello vicino di Copersito, fu venduto a Marfisia del Vecchio, moglie di Alessandro de Conciliis: rimase in possesso dei baroni De Conciliis nei secoli seguenti fino agli inizi del 1800